Arché Live 2019: le riflessioni del venerdì

Maschile e femminile: interazioni e prospettive educative” è il tema della prima giornata dell’Arché Live 2019, mattinata di studio tenutasi venerdì 11 ottobre nella prestigiosa Sala Alessi a Palazzo Marino.

Dopo i saluti istituzionali di p. Giuseppe Bettoni e di Lamberto Bertolé, Presidente del Consiglio Comunale di Milano, il filosofo Carlo Sini ha aperto gli interventi. Le sue parole hanno accompagnato i presenti in una riflessione profonda sulla relazione tra uomo e donna e sulle interazioni tra le coppie con l’intera società.

Del ruolo e della posizione che uomo e donna occupano nella società attuale ha parlato la seconda relatrice, la professoressa Chiara Giaccardi, titolare della cattedra di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ha articolato la sua riflessione sugli sterotipi di genere che uomini e donne sono costretti ad interpretare nella società moderna.

Sulla scorta degli interventi precedenti ha preso la parola Elena Riva, psicologa e psicoterapeuta della Fondazione Arpad Minotauro, chiudendo la prima parte della giornata con una riflessione sulle cangianti figure maschili e femminili affermatesi nell’immaginario collettivo col passare degli anni.

Semplificando un intervento ben più articolato, da erculeo guerriero dell’iconografia classica l’uomo è diventato l’amico pasticcione mentre la donna, da principessa da proteggere si è trasformata nella Wonder Woman che salverà il mondo.

Nel secondo panel invece, sono intervenuti Milena Santerini, professoressa di Pedagogia presso l’Università Cattolica di Milano, e Paolo Giulini del CIPM. La docente ha evidenziato la banalizzazione della figura femminile e la mercificazione del suo corpo, denunciando l’assenza di modelli di riferimento alternativi.

In chiusura sono state le parole e i numeri del criminologo Paolo Giulini a dare un’idea dell’impressionante ampiezza del fenomeno della violenza di genere e soprattutto della necessità da parte degli uomini maltattanti di essere presi in carico da percorsi di affiancamento capaci di abbattere la recidiva. E anche delle contromisure che legislazione, che gli enti pubblici attualmente mettono a disposizione. 

Si è chiusa così la prima giornata dell’Arché Live 2019 che ha permesso di riflettere sul ruolo del potere nelle relazioni, con cui tutti facciamo i conti. Leggi qua come è andata la seconda giornata!

 

Ringraziamo i relatori per la precisione e la cura con cui hanno affrontato il tema proposto, il Comune di Milano per averci ospitato, Daria Colombo e Lamberto Bertolé per la moderazione attenta e efficace, Renato Vella per le fotografie e tutti voi che siete passati a trovarci. Avete reso l’Arché Live ancora più speciale!














Postato Giovedì 31/10/2019 da Paolo Dell'Oca