Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Al Vintage il mio disagio non mi fa più paura

Grazie all'incontro con Club Itaca da settembre presso il Vintage Solidale di Arché è in corso un progetto sperimentale che promuove l'autonomia socio lavorativa di persone che hanno alle spalle storie di fragilità e che sono pronte a rimettersi in gioco

Alessandra, quasi sei mesi dopo, torna a parlarci della sua esperienza:

Sono contenta che Arché e Club Itaca abbiano collaborato per permettermi di sperimentarmi in un nuovo ambito lavorativo. La mia pausa dal mondo del lavoro era stata troppo lunga...
Questi mesi sono volati, mi sembra di aver iniziato solo ieri la mia esperienza al negozio Vintage di Arché 
Qui mi piace fare tutto, o quasi.
Non nascondo che ho qualche difficoltà ad usare il registratore di cassa, per questo preferisco sempre mettermi a disposizione del pubblico femminile e consigliare le nostre clienti nella scelta del capo più adatto per loro.

Prima di cominciare non pensavo che mi avrebbe entusiasmato tanto la vendita in negozio, né che avrei seguito, quasi con “devozione”, ogni cliente. E’ curioso cercare di capire i gusti di ognuna e indovinare l’abito o il golfino che stanno cercando.
Ricordo un episodio buffo. Un giorno ho visto un golfino sul tavolo, l’ho piegato e l’ho messo in vendita. Poi, per fortuna in tempo, ho scoperto che era di una volontaria. Siamo scoppiate tutte in una risata fragorosa, compresa la cliente che l’aveva scelto.

Le volontarie che si alternano in negozio sono gentili e pazienti. Non mi sono mai sentita in imbarazzo, riguardo al mio “disagio”, anche quando ho avuto dei momenti di stanchezza mentre ero in turno. Mi sono sempre sentita supportata e ascoltata dalle volontarie che mi in quel momento erano al mio fianco. 

Ringrazio Arché che mi sta dando la possibilità di ricominciare. E sono contenta che in questi mesi ho contribuito alla raccolta fondi. Perché ho capito che il Vintage Solidale è nato per sostenere i progetti dell’Associazione.

E’ ancora più stimolante lavorare in un negozio dove l’acquisto di un capo non è la conclusione ma l’inizio. Ogni golfino venduto, ogni cappotto acquistato contribuisce a finanziare le attività di Arché.












Questo post è associato al progetto: Vintage Solidale Arché - il charity shop

Postato Mercoledì 01/02/2012 da Pensieri&Colori