Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Una giornata di sole senza sole

Fondazione Archè da diversi anni ha in gestione due appartamenti, messi a disposizione da un benefattore e accreditati con il Comune di Milano, per il progetto “Servizio di accoglienza in piccole unità abitative di persone affette da HIV/AIDS in fase di reinserimento sociale”

Nel corso degli anni le famiglie che abbiamo ospitato e accompagnato nel percorso verso la propria autonomia, hanno riempito le nostre giornate e ampliato la nostra esperienza lavorativa e personale e….le cantine degli appartamenti!!! Si è dunque reso necessario effettuare un lavoro di sgombero. Volevamo però che questo momento si connotasse di senso e che fosse un’occasione diversa ma comunque efficace di apertura sia per le nostre famiglie che per le persone che avrebbero voluto offrire il loro tempo per quest’iniziativa.

E’ così nata la possibilità che alcuni dipendenti dell’azienda ECONOCOM dedicassero un giorno  al nostro progetto: un reparto di questa azienda  fornitrice di servizi digitali business-to-business ha scelto di utilizzare il suo budget per le feste natalizia dedicando una giornata agli altri, con voglia di sporcarsi le mani ed entusiasmo.

Il clima non ci ha molto aiutati dandoci il buongiorno con tanta pioggia ma non ci siamo scoraggiati e, armati di k-way, guanti da lavoro, grandi sacchi, sorrisi e buonumore abbiamo trascorso tutta la giornata  rimettendo in ordine i locali e dividendo ciò che poteva ancora essere utile da ciò che invece abbiamo portato in riciclerai con non pochi momenti di grandi risate e gag!!

Le famiglie che stiamo attualmente ospitando, nonostante non abbiano partecipato in prima persona all’attività, hanno riportato agli operatori di aver vissuto positivamente questa giornata verso la quale erano inizialmente intimoriti dal poter essere guardati con diffidenza. Ciò ha dato loro un piccolo assaggio di apertura al mondo ad un mondo non legato ai servizi di assistenza senza il timore di essere etichettati e allontanati. Il momento è stato di grande importanza anche per noi operatori che grazie a questa giornata abbiamo potuto ripercorrere in modo indiretto la storia di questi appartamenti e ritrovato ricordi delle famiglie che hanno concluso il loro percorso con grande successo. E’ stata inoltre per noi una grande occasione per far conoscere il progetto e i suoi esiti positivi in un ambito, come quello della sieropositività in cui tanti passi sono stati fatti ma tanti altri sono ancora in attesa di essere percorsi.

Ringraziamo ancora i volontari di ECONOCOM per il loro tempo, la loro pazienza ed il loro grande aiuto ed entusiasmo.












Questo post è associato al progetto: Le Case di Momo

Postato Martedì 14/01/2014 da Luca Meschi