Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Fiocco rosa in Casa Accoglienza

È nata I., una  meravigliosa principessa  in miniatura di soli 2.800 kg, una splendida bimba che ha portato luce e gioia all’interno della casa.

 J.è una giovane donna proveniente dal Perù, ormai residente in Italia da anni, lavora come badante e aiuto domestica presso una famiglia milanese e convive con il suo compagno, suo connazionale, da ormai sette anni.

Quando scopre di essere incinta le scoppia il cuore di gioia e non vede l’ora di dare la bellissima notizia al  compagno che in quel momento si trova all’estero per lavoro.

La delusione sarà fortissima: lui non ne vuole saper di diventare padre e dopo qualche discussione telefonica decide di abbandonarla e di interrompere la relazione.

J. si ritrova sola e con il cuore colmo di dolore ad affrontare questo evento così importante.

La Casa Accoglienza l’ha accolta per affiancarla nella quotidianità, accompagnarla alle visite ostetriche, starle vicino durante il parto, offrirle uno spazio per elaborare il vissuto di abbandono e per prepararsi all’atteso evento sono gesti minimi perché J. possa sentire l’abbraccio di qualcuno in momento di tanta fragilità.

Poter condividere l’ambivalenza di un abbandono doloroso contemporaneamente alla gioia della nuova vita in arrivo è fondamentale per rimanere in piedi e affrontare il “divenire madre”.

Oggi gli occhi di J. brillano ancora e sono pieni di speranza guardando il suo piccolo amore e queste sono le parole  splendide che ci regala:

 

“Concedimi un cuore di mamma puro e generoso,

ti offro le mie preoccupazioni, ansie , timori e desideri,

per questa creatura che mi hai concesso,

 allontana da lei ogni male fisico e ogni pericolo dell’anima,

dammi un cuore capace di trasmettere una fede viva”












Questo post è associato al progetto: Casa Accoglienza

Postato Lunedì 24/02/2014 da Mariuccia Magri