Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Ponte di Legno: che settimana!

La prima settimana di settembre la Casa Accoglienza è stata ospite in un meraviglioso posto di montagna: Ponte di Legno.

Mamme, bambini, educatori e volontari sono stati accolti presso una grande casa comunale adibita a casa vacanze.

Il gruppo al completo era composto da una trentina di persone e per ognuno si è trattato di un’esperienza unica ed indimenticabile.

Gli amici di Ponte, Vezza ed Edolo hanno collaborato tra di loro per donare una settimana da sogno agli ospiti della casa.

Al mattino presto il fornaio portava il pane ancora caldo direttamente a casa, la colazione a base di pane, burro e marmellata portava il buon giorno a tutti i bambini.

I nostri cari amici hanno regalato e portato a casa ogni genere di viveri e di bevande messi a disposizione per l’intera settimana di vacanza, così mamme e volontarie hanno potuto sbizzarrirsi per ogni pasto nella preparazione di ottime pietanze. Alla fine della vacanza il furgoncino della Casa Accoglienza è tornato a casa carico di provviste avanzate tanto era carica la dispensa della casa vacanze!

Ogni giorno è stata pensata una nuova avventura per intrattenere grandi e piccini: indimenticabile il pic nic in mezzo al bosco ai piedi della baita messa a disposizione da una degli amici.

Una cara amica estetista ha trascorso l’intero pomeriggio a dipingere le unghie di mamme e bambine, super eccitate all’idea di essere una volta tanto un po’ viziate.

Altra esperienza molto emozionante è stata la gita in seggiovia offertaci dal comune di Ponte di Legno dopo un pranzo da leccarsi i baffi regalato da uno dei migliori ristoranti della zona.

Tutti i bambini e la maggior parte delle mamme non avevano mai visto una seggiovia ed è stata per tutti un’esperienza indimenticabile: un po’ di euforica paura per via dell’altitudine e il grande fascino della montagna respirata dall’altola montagna con i suoi torrenti, le rocce piene di storia, il verde brillante degli alberi meravigliosi e il vento pulito di montagna ad accarezzare tutti i piccoli visi curiosi.

Scesi dalla seggiovia ecco un laghetto incantato, prima di quel giorno un’immagine vista solo nelle cartoline delle vacanze degli altri.

Come dimenticare la passeggiata nei sentieri sopra “le case di Viso”.

La montagna ci ha insegnato il silenzio... il silenzio di fronte a tanta bellezza, il tempo è sospeso... e ognuno ha incontrato il sollievo... il sollievo e la profondissima quiete, essere immersi nella natura e più vicini al cielo... potere abbandonare per qualche attimo sofferenze ed incertezze di una vita precaria... avere il cuore colmo di gratitudine e sapere che c’è ancora qualcuno che gioisce a regalare e condividere quel poco che ha con gli altri.

Qualcuno si sveglia ancora all’alba pieno di idee per rendere migliori le giornate di persone meno fortunate, con il cuore stracolmo e gli occhi che brillano dei sorrisi di bambini che non hanno mai visto e udito una marmotta prima di quel giorno indelebile di settembre.

Grazie Roby e Monica, grazie agli amici di Ponte, di Vezza, di Edolo… Grazie all’Associazione “Amici in Cordata nel mondo onlus”, grazie all’Associazione “Paolo con noi”.

Con il sole negli occhi ringraziamo tutti per questo cerchio di solidarietà che ci ha stupito, incantato, meravigliato e insegnato che quello che dai ce l’hai e quello che non dai è perso.

                                                                                                                                 

                                                                                                                                    Ingrid Bianchetti












Questo post è associato al progetto: Casa Accoglienza

Postato Domenica 07/09/2014 da Paolo Dell'Oca