Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

#storiedisperanza: Valeria

Valeria è una ragazza come tante, un caschetto castano, jeans scoloriti e scarpe da ginnastica. In braccio tiene sua figlia, una bambina paffuta di quasi due anni.

Come il suo aspetto anche la sua storia, all’inizio, sembra quella di una ragazza comune. Madre casalinga e padre commerciante, ha una sorella gravemente disabile. Con loro abita in una villa a Milano, ha ottimi voti a scuola e buoni amici. Un giorno decide di inseguire un sogno e parte per Roma a studiare cinema. Ma qui qualcosa si inceppa. La sua malattia mentale che nessuno aveva capito, che nessuno si aspettava, si svela. Valeria si convince di non essere figlia dei suoi genitori e di essere stata adottata. Fugge in Brasile, lì - pensa - troverà le sue origini, ne è convinta. Per un lungo periodo nessuno sa più nulla di lei.

Cominciano le ricerche, sarà il padre a ritrovarla in un ospedale psichiatrico, imbottita di farmaci e di piattole. Rientrata a Milano le cose non migliorano, la malattia mentale è ormai evidente e lei è fuori controllo. Si assenta da casa per lunghi periodi e quando torna è spesso ubriaca, ha rapporti promiscui con molti uomini. Resta incinta. Quando nasce la sua bambina il Tribunale è perentorio: o prende i farmaci per stabilizzare l’umore oppure le verrà tolta. È questo a far scattare qualcosa in lei.

Valeria si fa aiutare: per se stessa e per la sua piccola entra nella Casa Accoglienza di Arché. Qui, insieme a sua figlia, ritrova la speranza e ricomincia da capo.

Abbiamo raccolto e scritto, cambiando nomi e dettagli, le storie di cinque mamme ospiti di Casa Accoglienza Arché: aiutaci a trasformare in storie di speranza le vite delle mamme che si rivolgono a Casa Arché: invia un SMS al 45505 per donare 2 € (dal 14 settembre al 5 ottobre).












Questo post è associato al progetto: Casa Accoglienza

Postato Lunedì 29/09/2014 da Paolo Dell'Oca