Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

FaGioCo in autunno

Viva la falconeria!

In un'assolata giornata di ottobre ci siamo ritrovati nel bellissimo centro dell’Associazione Volontari Capitano Ultimo. Presso il centro ci sono varie realtà, come una casa famiglia per bambini e preadolescenti, una pizzeria, un ristorante, una panetteria e un centro di formazione.

Noi abbiamo avuto la fortuna di visitare la falconeria e assistere allo spettacolo dei falconieri che ci hanno presentato questo antichissimo sport riscoperto e arrivato a noi fin dal Medioevo, con le sue magiche regole in un rapporto di amicizia e rispetto tra l’uomo e la natura più fiera e selvatica.

Sotto il caldo sole del primo pomeriggio, in una distesa verde, abbiamo potuto ammirare la maestosità di vari esemplari di falchi, e i loro giochi di caccia e richiamo. Un’operatrice si è occupata di spiegarci le caratteristiche di ogni singolo falco, avvisandoci di non fare mosse inconsulte per evitare un possibile “attacco” del rapace.

Ogni falco è affidato ad un ragazzo o una ragazza falconiere, per la cura, l’allevamento e l’addestramento, ed è stato emozionante osservare il legame creatosi tra loro: la dedizione, sintonia e fiducia tra il rapace e il suo “padrone” anche quando questo è molto giovane, come il nostro Michele che ci ha accolto facendo gli onori di casa.

Una di loro, Angela, cara amica di FaGioCo di qualche anno fa, ci ha commosso col racconto del rapporto con il suo falco, di come lui percepisca i momenti di difficoltà, nervosismo o tristezza della sua amica richiamandola con colpi di becco o artiglio a tornare a sentimenti “felici dentro”, e di come manifesta l’affetto con piccoli “baci” becchettati dolcemente sulle dita…

Abbiamo potuto osservarli tutti da vicino, ammirando le loro piume, gli occhi vispi da eccellenti predatori, gli artigli minacciosi, e si sono lasciati accarezzare anche da manine inesperte sul petto morbido e caldo.

Dopo lo spettacolo è arrivata l’ora della merenda, seduti intorno ad un tavolo bevendo succhi e mangiando crostate e pizzette salate, finalmente abbiamo potuto demolire le distanze raccontandoci le novità del momento.

Quest’ultimo incontro presenta delle differenze rispetto ai precedenti perché tutti i bambini e i ragazzi erano accompagnati da un familiare: è il nuovo FaGioCo che sta diventando sempre di più un progetto per famiglie.

Si sono create dinamiche nuove, affinità tra vari genitori, si è potuto carpire un pizzico del loro mondo domestico: la vicinanza di una adolescente alla propria mamma, la voglia di sentirsi grandi e scappare con i propri amici il più lontano possibile da loro, il bisogno di staccare la spina e fare due sane chiacchiere tra genitori, la complicità dolce e difficile tra papà e bambina.

E’ stato un esperimento ben riuscito, una giornata ricca di sorrisi e abbracci, volto al rispetto e all’attenzione dell’altro.

Un viaggio nel tempo

Dopo tanta attesa e grazie all’impegno e disponibilità di Filomena del Cesv, il Centro Servizi per il Volontariato del Lazio, sabato 15 novembre, abbiamo trascorso il nostro secondo incontro di questo nuovo anno con FaGioCo alla scoperta della storia antica. Palazzo Valentini (o Palazzo Imperiali), sede dell'amministrazione provinciale di Roma e della prefettura, ci ha aperto le porte per un viaggio indimenticabile attraverso il tempo; siamo entrati nelle domus romane del palazzo, le “case d’oro” che arricchiscono il nostro patrimonio storico.

Giunti tutti a destinazione, divisi in due gruppi, abbiamo iniziato il nostro viaggio trovandoci al buio, su un pavimento di vetro, la musica e una voce che ci parlava di quello che era successo in quei luoghi, mentre piano piano apparivano luci e immagini che coloravano gli ambienti così come si mostravano tanto, tanto tempo fa.

È stato un viaggio nella storia con i più moderni mezzi di “trasporto nel tempo”; le luci, i proiettori, il virtuale ci hanno portati all’epoca dei Romani dentro questa splendida reggia… grandi e piccoli sono stati coinvolti dall’atmosfera magica data dalla tecnologia sul nostro passato, tanto reale quanto inimmaginabile.

Una costruzione antica ma che sa di moderno con i suoi impianti, il suo culto del benessere, le sue strutture così complesse, tra splendidi mosaici veri “tappeti di pietra”, gli ambienti familiari di logge e scale ancora risonanti degli echi dei giochi di bambini e delle chiacchiere dei grandi proprio come oggi tra noi, fino alla scoperta della adiacente colonna traiana, “primo film a colori”!

Questo viaggio tra l'antico e il moderno ha permesso di abbattere quell’alone di noia che si nasconde nei ragazzi di fronte ai loro libri di storia, ha acceso la voglia di sapere.

Ma alla fine di ogni viaggio bisogna recuperare energie e, chiuse le porte della storia, ci siamo diretti verso un thè caldo, succhi di frutta, pizzette e merendine ospiti di un accogliente bar di fronte alla domus appena lasciata. Tutti i ragazzi si sono ritrovati in questo momento di condivisione fatto di quel dolce sapore del ritrovarsi e raccontarsi nel linguaggio dell’adolescenza. 

Si sa, un momento così dolce purtroppo deve giungere al termine, e siamo tutti a salutarci con la speranza di vederci presto.


Ringraziamo, per il pomeriggio di falconeria, il Capitano Ultimo e Giordana Valentini del Centro Volontari Capitano Ultimo ed in particolare la nostra Angela amica dei falchi e dolce guida.

Ringraziamo, per l’ affascinante viaggio nel tempo, l’impegno di Filomena Mureli del Cesv - Centro servizi per i volontariato e la disponibilità di Silvia Camilli del Servizio prenotazioni di Palazzo Valentini

Foto| Julie Delio












Questo post è associato al progetto: Progetto FaGioCo

Postato Lunedì 24/11/2014 da Paolo Dell'Oca