Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Spettacolo

I bimbi di Arché allo spettacolo di Pinocchio

Un po’ incantati un po’ assorti, sempre attenti e partecipi. I bambini della Casa di Accoglienza di Arché hanno vissuto un pomeriggio magico domenica 10 aprile grazie al Teatro dal Verme di Milano che li ha invitati ad assistere insieme alle loro mamme allo spettacolo “Pinocchio”, ultimo della programmazione dell’ Orchestra “I piccoli pomeriggi musicali".

La fiaba inventata da Carlo Collodi è senza tempo, non stanca mai, e ha rapito con la sua magia e le sue musiche anche i piccoli di Arché: appena costruito da Geppetto, durante lo spettacolo, Pinocchio ha esordito dicendo: "Sento un vuoto nello stomaco, cosa sarà?". Thomas, unico tra mille, ha urlato: "È la fame!".

Poi c’era Lisa, anche lei davvero coinvolta, che incalzava di domande la sua mamma riguardo alla scena e alle battute degli attori. “Ma anche tutti gli altri seguivano assorti e incantati – ha raccontato Valentina Sangregorio, educatrice di Arché - anche durante gli stacchi musicali, che pensavo potessero annoiare, perché erano un mix tra pezzi classici (Beethoven, Strauss..) ma anche moderni (Bennato e le colonne sonore Disney di Pinocchio)”. Uno spettacolo bellissimo, una platea di bambini entusiasti. E per questo ringraziamo di cuore l’organizzazione del teatro.

Poi, il pomeriggio delle mamme e dei bambini di Arché è continuato con un pranzo al sacco al Parco Sempione: “Abbiamo giocato e poi fatto una passeggiata verso piazza Duomo – ha continuato Valentina – mi sono ricordata che in via Tommaso Grossi c'è un negozio di modellismo con esposto un Pinocchio a grandezza naturale seduto in una panchina, e quindi li ho accompagnati lì, e credo sia stato il secondo momento più bello della giornata, le più piccole non volevano più andare via... Quando finalmente le ho staccate da Pinocchio, ci siamo incamminati e abbiamo incontrato i vari artisti di strada a cui i bimbi si sono avvicinati incuriositi e un po’ intimoriti. E per finire, tutti a fare il giro in galleria con l’immancabile piroetta sul toro”.












Questo post è associato al progetto: Casa Accoglienza

Postato Martedì 12/04/2016 da Stefania Culurgioni