Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Dolci risultati dallo Zambia

Continua il cammino di Arché a fianco delle famiglie nella parrocchia di Chikuni, in Zambia. Da un primo intervento di emergenza, che ci vedeva impegnati dal supporto economico all’istruzione degli orfani, siamo passati a un intervento più prospettico.

Si vive nella comunità per studiare nuove possibilità di lavoro per le famiglie di piccoli agricoltori, affinché queste abbiano “una vita dignitosa attraverso il lavoro” [Papa Francesco - Laudato si'].

Il progetto di apicoltura (avviato grazie al contributo del Rotary Club Manzoni) è uno dei passi compiuti in questo cammino. In tre anni il gruppo di apicoltori, selezionati tra le famiglie con maggiori difficoltà finanziarie, si è mosso lentamente ma con ottimi risultati. La produzione del miele è aumentata insieme alla cura che ora gli apicoltori offrono alle proprie colonie di api.

Il primo passo, quello fondamentale, era passare da un bee-harvesting (cacciata della colonia di api e raccolta di tutte le celle) a un vero e proprio bee-keeping, una cura costante del proprio apiario, un controllo e uno studio del comportamento delle proprie colonie, una selezione accurata delle celle da raccogliere.

Alcuni apicoltori hanno abbandonato il progetto per poco interesse personale o per altre ragioni, perciò i loro alveari sono stati ritirati e dati a beneficio degli apicoltori più attenti.

Se all’inizio Arché organizzava giornate di valutazione con i beneficiari, ora sono i beneficiari stessi a incontrarsi spontaneamente per scambiarsi consigli o per aiutarsi nell’operazione del raccolto.

Quest’anno il progetto ha ricevuto una nuova pressa per alveoli, più efficiente della prima costruita localmente. Il nuovo strumento aiuterà in maniera notevole a migliorare la qualità del prodotto finito e a ridurre i tempi per processare il miele raccolto.

Continua anche la ricerca di mercato per la vendita del prodotto finito a un prezzo che possa essere di aiuto sia all’apicoltore sia al progetto di pagamento delle rette scolastiche per gli orfani della parrocchia.

Dolci successi, quindi, nell’operato in Zambia e nei traguardi raggiunti. 












Questo post è associato al progetto: Apicoltura

Postato Mercoledì 18/05/2016 da Paolo Dell'Oca