Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Foto

Abbiamo inaugurato CasArché

Un luogo di bene comune, simbolo di una Milano solidale. Un luogo aperto alla cittadinanza dove ci si contamina nel bene e dove si fa del bene, aiutando persone in difficoltà a camminare con le proprie gambe. Questa è CasArché, e sono contento, oggi, 25 anni dopo, di poter presentare alla Città Metropolitana quest’esperienza nuova”. Sono le parole di padre Giuseppe Bettoni, fondatore e presidente di Arché Onlus che oggi, sabato 1° ottobre in via Lessona, 70 (Quarto Oggiaro), Milano, ha inaugurato la nuova CasArché.

Milano è una città straordinaria, una città che si pone come modello e guida dell’Italia non solo dal punto di vista economico ma anche grazie ad esperienze come quelle di CasArchéha detto il sindaco di Milano e Città Metropolitana Giuseppe Salail tema delle mamme in difficoltà e dei loro bambini è una questione importante ed epocale ma la lucidità di questo progetto sta nel fatto che non solamente si accoglie ma si aiutano le mamme  nell’inserimento nel mondo del lavoro ed è quello che esattamente noi dobbiamo fare in generale rispetto al tema dell’immigrazione. Questo è un centro perfetto e mi auguro ne sorgano altri e Milano sarà sempre disponibile ad allearsi con istituzioni come queste, progetti del genere sono veramente meritori”.

Abbiamo da subito riconosciuto l’alto valore sociale di questa iniziativaha detto Lorenzo Guzzeloni, sindaco di Novate Milanesequesta casa viene in aiuto a bisogni di minori e mamme in difficoltà a cui tutti dobbiamo dare una mano”.

Fin dalla sua nascita Arché è venuta incontro ai bisogni della società: ricordo gli inizi, quando si pose per prima il problema dei bambini sieropositivi di cui non si occupava nessuno – ha detto l’Onorevole Patrizia Toiae poi mi ha colpito la capacità di coinvolgimento, la qualità e la preparazione dei suoi operatori”.

Tutto questo si ispira ai valori della Costituzione italianaha detto Aldo Manfredi, Magistrato e Presidente del II Collegio Penale della Corte di Appello di L'Aquilaessa è infatti l’insieme dei principi e delle ragioni del nostro stare insieme”.












Questo post è associato al progetto: CasArché

Postato Sabato 01/10/2016 da Stefania Culurgioni