Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Come uscire da un crollo emotivo

Un crollo emotivo scaturisce dalla sensazione che non vi sia più via d'uscita dalla propria condizione negativa.

In seguito ad una situazione di malessere così forte, la cosa più difficile è tornare a fidarsi di qualcuno. Per una donna che ha visto la sua dignità calpestata, provare fiducia nei confronti di qualcuno è un'idea difficile da metabolizzare.

Ma proprio per questo, ripartire dalla fiducia nell'altro può diventare una mossa decisiva per comprendere che è possibile essere le artefici del proprio cambiamento volto a riappropriarsi della fiducia in se stesse e a una vita serena con i propri bambini.


La storia di Gemma che ha ritrovato la forza dentro di sé

Oggi Gemma lavora come donna delle pulizie in una cooperativa ma la sera, quando il lavoro è terminato e i suoi bambini dormono, fa uno sforzo, prende in mano i libri e studia.

All’orizzonte c’è l’esame di terza media e un futuro tutto nuovo da costruire. Gemma ha 40 anni e si porta nel cuore una cicatrice difficile da rimarginare. Suo marito, ex tossicodipendente, è deceduto di Aids. Insieme avevano due figli, una casa, una vita e una famiglia.

Quando Marco è morto, Gemma ha avuto un crollo emotivo. Forse per reazione, si è legata ad un altro uomo che ha conosciuto su internet e lo ha raggiunto a Milano. Con lui ha avuto una terza bambina ma il dolore che si portava dietro dal passato non era ancora guarito. Ripiegata in sé stessa, Gemma ha smesso di badare ai bambini che non sono più andati a scuola.

È allora che è stata affidata, insieme a loro, ad Arché. Dopo due anni, nel contesto protetto della comunità, la vita ha cominciato a riaffacciarsi in lei. I bambini, che sono tornati a scuola, sono rifioriti, Gemma ha trovato un impiego e ha deciso di cominciare a studiare.

“Nella mia vita ho fatto di tutto: dalla scaricatrice di frutta e verdura all’ortomercato alla cameriera, ma ora vorrei qualcosa di meglio.” Ora, grazie ai suoi sforzi, Gemma è riuscita ad ottenere la licenza media e a riacquistare fiducia in se stessa.

Sostieni anche tu mamme come Gemma nella loro sfida quotidiana per riconquistare autostima!

Dona ora

 

Leggi tutte le interviste di QVC a Ingrid Bianchetti e Lino Latella

1. Come uscire da un crollo emotivo

2. Imparare a fare la mamma

3. Quando la depressione si riversa sui figli

4. Una casa dà autonomia

5. Il bisogno di impegnarsi personalmente














Postato Giovedì 20/07/2017 da Paolo Dell'Oca