Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Una casa dà autonomia

La casa rappresenta il luogo in cui tornare, in cui si costruiscono i ricordi, in cui si cerca l'abbraccio alla fine di una lunga giornata. In Arché spesso si parla di dignità, e niente può ledere la dignità di una persona come la mancanza di un luogo in cui sentirsi al sicuro.

I progetti di housing di Arché sono rivolti prioritariamente ai nuclei mamma bambino che si trovano in situazioni di disagio abitativo. Sono sempre più numerosi, e il nostro obiettivo consiste nell'accompagnare queste persone, italiane e non italiane, in percorsi verso l’autonomia: offriamo un alloggio temporaneo, favoriamo il reinserimento sociale, un percorso formativo e l’inserimento nel mondo lavorativo.


La storia di Clara che ha conquistato l'autonomia

Clara è una giovane donna abbandonata dal compagno dopo essere rimasta incinta. Prima viene ospitata da alcuni conoscenti e poi entra in un centro di accoglienza, dove nasce Marta.

La loro storia viene segnalata ad Arché e Clara viene accolta con Marta in uno dei nostri appartamenti, con l’obiettivo di sostenerle nella costruzione della loro vita familiare e accompagnarle verso l’autonomia. Clara non riesce a credere di poter vivere in quella casa da sola con la sua piccola. Marta è un po' spaesata.

Il percorso di Clara non è però facile: «Stare sole noi due è bello, è un desiderio che si avvera», dice, «ma è anche tanto difficile, i pensieri si affollano, il silenzio è pesante, è un grande cambiamento». Per qualche mese Marta chiede dei suoi compagni di stanza e del centro in cui vivevano prima. Lei, bimba allegra e solare, in certi momenti è nostalgica e a disagio nelle nuove stanze.

Il tempo trascorre, la casa viene personalizzata, Marta sceglie un posto per i suoi giochi e, pian piano, comprende che adesso vive lì insieme alla sua mamma.

Un pomeriggio, tornando da scuola, esordisce con: «Mamma, questa è la nostra casa!» e per Clara è una grande gioia. Adesso sono davvero pronte ad accogliere ciò che il futuro regalerà loro.

Sostieni anche tu mamme e bambini come Clara e Marta!


Dona ora

Ecco i 5 interventi:

1. Come uscire da un crollo emotivo

2. Imparare a fare la mamma

3. Quando la depressione si riversa sui figli

4. Una casa dà autonomia

5. Il bisogno di impegnarsi personalmente














Postato Giovedì 20/07/2017 da Paolo Dell'Oca