Un aperitivo partecipatissimo!

La serata del 6 giugno trascorsa presso il Rose Garden Palace Roma è stata un momento davvero speciale per noi di Arché Onlus. Un’occasione di incontro per poterci rivedere, cosa che purtroppo non capita spesso, confrontandoci su tematiche e argomenti a noi cari e per cui ognuno cerca di dare il proprio indispensabile contributo. Alcuni di noi hanno incontrato con grande affetto persone che non vedevano da tempo, altri hanno avuto la possibilità di conoscersi e dare vita a nuove relazioni. Questo dà tanta forza e linfa al nostro gruppo per continuare con il nostro cammino e le nostre attività.

È stato emozionante e divertente farci trasportare dalle intense sonorità mediterranee che Elisabetta e Vera hanno eseguito con grande passione. Con la parte musicale si è raggiunto l’apice della serata: abbiamo tutti avvertito la grande energia che ci avvolgeva!

Sono doverosi da parte nostra, quindi, questi ringraziamenti a tutti voi che avete partecipato e a chi, donando tempo, risorse e competenze, ha reso possibile la realizzazione di questo incontro.

  • I proprietari e tutto lo staff dell’Hotel Rose Garden Palace Roma, e Carmen Mattiello, vicedirettore Rose Garden e volontaria Arché.
  • Elisabetta Capitani, responsabile volontari Arché Roma, che con Leda Bellotti, Chantal Saporetti, Anna Maria Rossi, Patrizia Colonna, Fabio Brocca e Claudia Tecardi  hanno lavorato per l’organizzazione e la buona riuscita della serata.
  • Per la musica: Elisabetta Cerocchi e Vera Petra. 
  • Per le borse e i parei della nostra bancarella: Giulietta Gozzano e la ditta Giulietta & Romeo.
  • Per le foto: Moreno Fiorucci.

Con il vostro aiuto e con la presenza di tanti volontari e amici di Arché avete dato la possibilità di raccogliere fondi che saranno devoluti ai bambini e alle famiglie di FaGioCo. I fondi saranno utili per i biglietti di ingresso a mostre, musei, teatri o per acquisti urgenti nei momenti di emergenza, per pagare una bolletta o una gita scolastica, una spesa alimentare o la quota mensile per l'attività sportiva di un bambino.

Sono situazioni di svago e socializzazione e piccoli aiuti, che non risolvono le situazioni di grave disagio sociale in cui possono trovarsi le famiglie che Arché aiuta con interventi di sostegno multidisciplinare in collaborazione con i servizi sociali e del privato sociale, ma che sono occasioni preziose che danno la possibilità di poter far ripartire il coraggio di una mamma e la gioia di un bambino, la forza e il sorriso di quando si sente di non essere soli.

Grazie a tutti di cuore e a presto!












Questo post è associato al progetto: Progetto FaGioCo

Postato Lunedì 25/06/2018 da Paolo Dell'Oca