Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Action with Youth

Prevenzione comportamenti a rischio per adolescenti e pre-adolescenti

Locazione: Parrocchia di Chikuni, distretto di Monze, Provincia Meridionale dello Zambia

Gruppo di riferimento: ragazzi e ragazze dai 12 ai 15 anni

Beneficiari diretti all’anno: 1,000 adolescenti e pre-adolescenti

L’intervento di Fondazione Arché ONLUS in collaborazione con la missione gesuita di Chikuni mira a prevenire comportamenti a rischio nei giovani della parrocchia. Rapporti sessuali non protetti, abuso di alcool e di droghe, violenza sessuale sono purtroppo situazioni frequenti che i giovani scelgono o vi sono spinti e che sfociano in un aumento di infezioni HIV, violenza domestica, prostituzione e una sempre più limitata possibilità di miglioramento delle condizioni di vita proprie e della famiglia.

Il programma di prevenzione che Fondazione Arché ONLUS ha realizzato e sta attuando nel territorio di Chikuni, mira all’incontro di adolescenti e di pre-adolescenti e si muove lungo una serie di dieci incontri di due ore ciascuno nella stessa classe o gruppo di giovani. Incontri in cui due facilitatori locali, culturalmente radicati nel territorio e formati ad hoc per il programma stesso,  discutono con i ragazzi attraverso varie e divertenti attività che stimolano i ragazzi alla discussione intorno alle “life skills”: capacità relazionali, capacità comunicative, capacità decisionali, sviluppo della propria capacità critica.

Ogni attività in ogni incontro viene portata avanti dai facilitatori con il chiaro obiettivo di rendere i ragazzi coscienti delle proprie capacità e dei propri talenti, consapevoli delle possibilità che hanno a disposizione, responsabili delle proprie scelte.

Una particolare attenzione viene sempre rivolta alle ragazze, ancora purtroppo poco considerate all’interno della famiglia e della comunità più in generale, che vede loro solamente come compagne del marito. E questo si traduce culturalmente nelle ragazze le quali si creano come unico modello di realizzazione di vita il servire il marito e la sua famiglia e il mettere al mondo figli.

Il programma mira all’incontro aperto con le ragazze per sviluppare in loro la capacità di costruirsi nuovi modelli e nuove aspettative di vita, basate sulle proprie potenzialità, punto di inizio non solo della loro emancipazione, ma anche dello sviluppo delle generazioni future.

Il programma è realizzato da Keith Hang’andu e Nchimunya Hacilangu, in collaborazione con alcuni co-facilitatori. Il coordinamento è affidato a Gianpietro Gambirasio.